La Tenda_

Ci sono percorsi, passaggi, che non vengono tracciati, che rimangono tra le linee. E’ tra le

linee compromesse e mancanti di questa stampa, che si innestano le prime linee della Tenda_.

Inkjet b/w 2011 Cprint 15 x 10

La Tenda è fatta di linee di colore, nasce come percorso e si costruisce a tappe, collegando possibili spazi di incontro, altrove. Vuole contenere, idealmente, tutti i colori dello spettro cromatico visibile ed invisibile ai nostri occhi: portatrice di nuove alleanze oltre la nostra condizione di percezione, è tesa ad intercettare altre frequenze di contatto e scambio.

“La Tenda_ è un disegno che si sviluppa percorrendo, un luogo d’appartenenza in espansione nella ridefinizione continua delle proprie coordinate, la veste nomade e multicolore di una condizione di sradicamento e riorientamento permanente in una geografia ventosa, un albero dalle radici volanti.”

La Tenda_15 Km

Nata come un riparo, un paesaggio in movimento tra le pareti domestiche, scende in strada a Berlino e si unisce al corteo United for Global change nel 2011. 15 km di percorso dopo i quali viene installata alla mostra Fünfzehnkilometer arrivando per l’inaugurazione come invitata e protagonista: come Tenda_15 Km.

La Tenda_7 Km

Si estende come Tenda_7 Km nel 2014, in un’azione che coinvolge il borgo di Riace, in Calabria, e la sua popolazione: lanciando, annodando, srotolando sette km di colore; la distanza da quella costa, alla quale approdano migranti che dal 2009 qui vengono accolti.

La Tenda_al MAAM

Viene sospesa nel 2016 al MAAM, alle pareti dell’hangar dove ha disseminato le sue coordinate magnetiche come installazione, realizzata con gli stessi gesti. Il Museo dell’altro e dell’altrove è il luogo scelto in corrispondenza alle proprie condizioni di partenza, nella precarietà e temerarietà di un progetto che intreccia una condizione di emergenza nell’arte con la protezione di un luogo di vita, affrontando l’idea dell’abitare, del convivere nella diversità e oltre i propri confini, immaginando insieme un altrove.

IPER Festival 2024

La Tenda_ si riattiva con il Cantiere Casa – Museo – Città che farà del MAAM e di Metropoliz. L’acquisizione degli spazi di Metropoliz e del MAAM, fino ad ora occupati, da parte del Comune di Roma segna per la Tenda un invito a rilanciarne l’esperimento corale avviato per il Cantiere della Tenda_al MAAM e farsi Iper_Tenda per l’IPER festival 024.

Abitandola di corpi, proposte, incontri ed azioni in nome di uno spazio di immaginazione collettiva che dell’analogia ha fatto metodologia, come delle dinamiche di incontro che si danno sul suo percorso, la Tenda animata dal gesto e dal salto che permette un linguaggio privo di progettualità, se non quella dell’andare, scartando le vie indicate e unendosi alla spinta sovversiva alla quale è andata incontro per rotte migranti, dispiega ancora le sue linee grazie al contributo di coloro che ha invitato a partecipare a questo esperimento di coralità nel Teatro 2 alla terza edizione di IPER festival delle periferie 2024 come Iper_Tenda. La Tenda_ si riattiva in nome del Cantiere Casa Museo Città che farà del MAAM e di Metropoliz parte del tessuto cittadino, attraverso l’acquisizione degli spazi fino ad ora occupati, dal Comune di Roma.